Politiche e Reti UE

Lesmo Paola

Come partecipare alle gare di appalti pubblici?

Gli step fondamentali per partecipare alle gare

 

  1. Come venire a conoscenza dei bandi di gara?
  2. Quali sono le tipologie di appalti pubblici esistenti?
  3. A quali soggetti possono essere aggiudicati gli appalti pubblici?
  4. Quanti concorrenti possono partecipare alle gare d’appalto?
  5. Quali sono le condizioni di partecipazione alla gara di appalto?
  6. Quali documenti presentare per dimostrare le condizioni di partecipazione?
  7. Quali sono i termini per presentare l’offerta?
  8. Come vengono aggiudicati gli appalti?
  9. Posso contestare una fase del procedimento facendo ricorso?


1. Come venire a conoscenza dei bandi di gara?

 

Per conoscere le fonti da consultare bisogna distinguere le soglie di valore (art. 28) degli appalti di lavori, di servizi e di forniture:

 

  • Lavori: 5.150.000 Euro
  • Forniture e servizi aggiudicati da Autorità governative Centrali: 133.000 Euro
  • Forniture e servizi aggiudicati da altre amministrazioni: 206.000 Euro
  • Forniture e servizi nei settori speciali dell'acqua, dell'energia, dei trasporti e dei servizi postali: 412.000 Euro
    Sia nel caso del sopra che del sotto soglia l’obbligo di pubblicazione prevede che il committente pubblichi il bando sulla GURI, sul sito del Ministero delle Infrastrutture, sul " profilo di committente" della stazione appaltante, su 2 principali quotidiani nazionali, 2 principali quotidiani a diffusione locale e lo invii all’Osservatorio operante all’interno dell’Autorità degli appalti pubblici.

Solo per gli appalti sopra la soglia è prevista la pubblicazione anche sulla G.U.U.E. (Gazzetta ufficiale dell’Unione Europea).

 

 

2. Quali sono le tipologie di appalti pubblici esistenti? (Art. 3)

 

  • Di lavori: i lavori comprendono le attività di costruzione, demolizione, recupero, ristrutturazione, restauro, manutenzione, di opere (risultato di un insieme di lavori con funzione economica e tecnica). Le opere comprendono sia quelle che sono il risultato di un insieme di lavori edilizi o di genio civile di cui all’allegato I , sia quelle di presidio e difesa ambientale e ingegneria naturalistica
  • Di forniture: sono appalti pubblici diversi dagli appalti pubblici di lavori o di servizi, aventi per oggetto l’acquisto, la locazione finanziaria, la locazione o l’acquisto a riscatto, con o senza opzione per l’acquisto, di prodotti 
  • Di servizi: sono appalti pubblici diversi dagli appalti pubblici di lavori o di forniture, aventi per oggetto la prestazione di servizi di cui all’allegato II del codice 

3. A quali soggetti possono essere aggiudicati gli appalti pubblici? (Art. 34)

 

  • Imprenditori individuali, artigiani, società commerciali, società cooperative
  • Consorzi fra società cooperative di produzione e lavoro
  • Consorzi stabili, anche in forma di società consortili, tra imprenditori individuali, artigiani, società commerciali, società cooperative
  • Consorzi ordinari di concorrenti costituiti tra i soggetti di cui sopra
  • Raggruppamenti temporanei di concorrenti tra i soggetti di cui sopra
  • Soggetti che hanno stipulato il contratto di gruppo europeo di interesse economico (GEIE)

 


4. Quanti concorrenti possono partecipare alle gare d’appalto?

 

Tenuto conto dei sistemi di scelta del contraente alle gare d’appalto possono partecipare:

 

  • Nella procedura aperta gli operatori economici interessati a presentare un’offerta (art. 3.37)
  • Nella procedura ristretta gli operatori economici: tutti potranno chiedere di partecipare ma potranno presentare un’offerta soltanto gli operatori economici invitati dalla stazione appaltante (art. 3.38)
  • Nella procedura negoziata gli operatori economici individuati dalle stazioni appaltanti che li consultano e negoziano con uno o più di loro le condizioni dell’appalto (art. 3.40)
  • Nel dialogo competitivo, procedura seguita in caso di appalti piuttosto complessi, tutti gli operatori economici possono chiedere di partecipare ma solo i canditati ammessi dalla stazione appaltante, che avvia un dialogo per elaborare una o più soluzioni che soddisfino le sue necessità, potranno inviare le loro offerte (art. 3.39)


Talvolta nelle procedure ristrette, negoziate e nel dialogo competitivo, le stazioni appaltanti possono limitare il numero (purché sia sufficiente) di candidati idonei da invitare a presentare un’offerta, a negoziare o a partecipare al dialogo. Le stazioni appaltanti sono comunque tenute ad indicare nel bando di gara i criteri oggettivi non discriminatori che intendono applicare e il numero minimo e massimo di candidati che intendono invitare.  (art. 62.1)

 

5. Quali sono le condizioni di partecipazione alla gara di appalto?

 

  • Criteri di ordine generale (art. 38)
  • Requisiti di idoneità professionale (Art. 39)
  • Qualificazioni per eseguire lavori pubblici (art. 40)
  • Capacità economica e finanziaria solo per fornitori e prestatori servizi (art. 41)
  • Capacità tecnica e professionale solo per fornitori e prestatori servizi (art. 42)


6. Quali documenti presentare per dimostrare le condizioni di partecipazione? (da art.38 ad art.45)

 

La lista dei documenti da presentare insieme alle offerte e/o alle domande di partecipazione è contenuta in ciascun bando, talvolta è inclusa nel modello fornito dalla stessa stazione appaltante.

In caso contrario è consigliabile attenersi a quanto elencato negli articoli dal 38 al 45 del Codice sugli appalti: ad esempio tra i vari documenti:

 

  • Di ordine generale (art. 38):


- Dichiarazioni di non incorrere nei criteri di esclusione attraverso autocertificazioni (disciplinate dal D.P.R. 445/2000 “Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di semplificazione e documentazione amministrativa” art. 35-38-46-47-77bis (G.U.R.I. n. 42 S.O. 20 febbraio 2001).

- Certificazione di regolarità contributiva (Durc)

 

  • Di idoneità professionale (art. 39)


- Certificato CCIAA

- Eventuali dichiarazioni sull’appartenenza ad organizzazioni o sul possesso di particolari autorizzazioni

 

 

  • Relativi alla capacità economica e finanziaria dei fornitori e prestatori di servizi (art. 41)


- Idonee dichiarazioni bancarie

- Bilanci o estratti dei bilanci dell’impresa

- Dichiarazione del fatturato globale d’impresa e l’importo relativo a servizi o forniture nel settore oggetto della gara, realizzati negli ultimi 3 esercizi

 

  • Relativi alla capacità tecnica e professionale dei fornitori e prestatori di servizi (da art. 42 a 45)


- Elenco dei principali servizi e forniture

- Titoli di studio e titoli professionali

- Dichiarazione sull’attrezzatura, materiale ed equipaggiamento tecnico di cui si dovrà disporre.

- Eventuali certificati di garanzia di qualità

- Eventuali certificati sul rispetto dell’impatto ambientale

 

 

7. Quali sono i termini per presentare l’offerta? (art. 70 e art. 124)

 

  I termini ordinari di ricezione della domanda di partecipazione e delle offerte per appalti sopra soglia sono    (art. 70):
- Procedura aperta: 52 gg. per ricevere l’offerta dal giorno dell’invio del bando alla Gazzetta Ufficiale per pubblicazione

- Procedura ristretta: 37 gg. per ricevere la domanda di partecipazione dal giorno dell’invio del bando alla Gazzetta Ufficiale per pubblicazione e poi 40 gg. per ricevere l’offerta dalla data dell’invito a partecipare

- Procedura negoziata con bando: 37 gg. per ricevere la domanda di partecipazione dal giorno dell’invio del bando alla Gazzetta Ufficiale per pubblicazione e poi 20 gg. per ricevere l’offerta dalla data dell’invito a partecipare

- Procedura negoziata senza bando: 20 gg. per ricevere l’offerta dal giorno dell’invio del bando alla Gazzetta Ufficiale per pubblicazione.

- Dialogo competitivo: 37gg. per ricevere la domanda di partecipazione dal giorno dell’invio del bando alla Gazzetta Ufficiale per pubblicazione

 

 

I termini ordinari di ricezione della domanda di partecipazione e delle offerte per appalti sotto soglia sono (art. 124):
- Procedura aperta: 15 gg. per ricevere l’offerta dal giorno dell’invio del bando alla Gazzetta Ufficiale per pubblicazione

- Procedura ristretta: 7gg. per ricevere la domanda di partecipazione dal giorno dell’invio del bando alla Gazzetta Ufficiale per pubblicazione e poi 10 gg. per ricevere l’offerta dalla data dell’invito a partecipare

- Procedura negoz. con bando: 7 gg. per ricevere la domanda di partecipazione dal giorno dell’invio del bando alla Gazzetta Ufficiale per pubblicazione e poi 10 gg. per ricevere l’offerta dalla data dell’invito a partecipare

- Procedura negoziata senza bando: 10 gg. per ricevere l’offerta dal giorno dell’invio del bando alla Gazzetta Ufficiale per pubblicazione.

- Dialogo competitivo: 7 gg. per ricevere la domanda di partecipazione dal giorno dell’invio del bando alla Gazzetta Ufficiale per pubblicazione e poi 10 gg. per ricevere l’offerta

 

Nei casi di urgenza questi termini vengono abbreviati.

 

 

8. Come vengono aggiudicati gli appalti?

 

L’aggiudicazione avviene secondo uno dei seguenti criteri:

Prezzo più basso, rispetto a quello indicato nel bando, determinato mediante ribasso sull’elenco prezzi oppure importo dei lavori (art.82)
Offerta economicamente più vantaggiosa: il bando stabilisce i criteri di valutazione che possono essere il prezzo, la qualità, il pregio tecnico, le caratteristiche estetiche e funzionali, le caratteristiche ambientali, costo di utilizzazione e manutenzione, redditività, servizio post-vendita, assistenza tecnica, data di consegno ovvero il termine di consegna o di esecuzione, l’impegno in materia di pezzi di ricambio, la sicurezza di approvvigionamento. Se previste concessioni vengono valutati anche la durata del contratto, le modalità di gestione, il livello ed i criteri di aggiornamento delle tariffe da praticare agli utenti (art. 83).


Nel caso in cui nessuna offerta risulti conveniente o idonea in relazione all’oggetto del contratto, l’ente appaltante può decidere di non aggiudicare  l’appalto.

 

9. Posso contestare una fase del procedimento facendo ricorso? (art. 245)

 

  • Sono impugnabili mediante il TAR (Tribunale Amministrativo Regionale) o mediante ricorso straordinario al Presidente della Repubblica:
  • Gli atti delle procedure di affidamento, incarichi e concorsi di progettazione relative a lavori servizi e forniture
    I provvedimenti dell’Autorità


L’istanza si propone al Presidente del TAR per le questioni di merito. Il Presidente prenderà, dopo aver sentito le parti (le questioni di competenza sono rilevabili d’ufficio), provvedimento con esito:

  • Negativo: il provvedimento non è quindi impugnabile, ma la domanda può essere ripresentata dopo l’inizio del giudizio di merito.
  • Positivo (provvedimento di accoglimento): si può subordinare l’efficacia alla prestazione di un’adeguata cauzione per danni alle parti ed ai terzi. Il provvedimento di accoglimento non è appellabile, ma fino a quando mantiene l’efficacia è revocabile e modificabile dal Presidente, d’ufficio o d’istanza o reclamo di ogni interessato e dal Collegio. Il provvedimento di accoglimento perde efficacia dopo 60 giorni, dopo i quali rimangono efficaci le sole misure cautelari che siano confermate o concesse secondo l’art.21 della Legge 6/12/71 n.1034.


Il Parlamento europeo ed il Consiglio hanno emanato la Direttiva europea 2007/66/CE sul miglioramento delle procedure di ricorso (G.U.U.E. L n. 335 del 20 dicembre 2007).

 

La direttiva è stata inserita nell’allegato B della Legge Comunitaria 2008: il Consiglio dei Ministri ha dato il 25 gennaio 2008 il via libera al disegno di legge (ddl) comunitaria 2008. Il provvedimento, presentato in via preliminare lo scorso 11 gennaio, ha acquisito il favorevole parere della Conferenza Stato-Regioni.

 
IIC Inter-American Investment Corporation
 

In collaborazione con:

monte dei paschi di siena mps banca impresa gruppo banca cr firenze banca cambiano